Le diverse posizioni al Parlamento europeo sul voto sul futuro della Politica Agricola Comune

Updated: Apr 8, 2019



- English - Français - Español -


Questa settimana, il 2 aprile 2019, la commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale del Parlamento europeo (COM AGRI) ha votato la definizione delle norme per i piani strategici della politica agricola comune (PAC). Con 27 voti favorevoli, 17 contrari e un'astensione, i deputati hanno approvato un testo che stabilisce il futuro dello sviluppo agricolo della UE. Tuttavia, il risultato evidenzia la differenza di opinioni dei diversi gruppi politici e delle organizzazioni per la protezione dell'ambiente. La votazione finale ha infatti ignorato diverse raccomandazioni della Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (COM ENVI ).


Nel loro impegno per la riforma della PAC, le organizzazioni ambientaliste Arche Noah, PAN Europe e BeeLife European Beekeeping Coordination, analizzati i risultati del voto, nei prossimi giorni presenteranno una loro comune posizione ufficiale. Tuttavia, si registra già un aspetto apprezzabile del testo approvato, un tentativo di protezione di api e impollinatori. Si stabilisce un Indice Impollinatori, quale indicatore di risultato. Questo Indice è stato mantenuto nel testo grazie alla pressione delle organizzazioni per la protezione dell'ambiente e grazie alla Commissione europea, in particolare alla DG Ambiente, che ha lanciato la sua iniziativa sugli impollinatori nel 2018 .


See also: Why we Ned Bees as Indicators in the Next Cap - BeeLife


COM ENVI Session Livestream



I partiti politici hanno espresso le loro letture dei risultati. Per il relatore e membro del Partito Popolare Europeo (PPE), Esther Herranz García, il risultato è in equilibrio tra sviluppo agricolo e indirizzi ambientali, come dichiarato nella conferenza stampa successiva al voto [ 1].



Anche il gruppo Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l'Europa (ALDE) ha espresso un accordo parziale, mentre il relatore ombra Jan Huitema ha dichiarato: "Sono molto lieto che la commissione AGRI si decida ad abbandonare l'inefficienza per concentrarsi invece su programmi mirati, per fornire effettivi risultati per la protezione di clima e di ambiente "[2].

D'altra parte, per l'Alleanza Europea Libera dei Verdi, il testo adottato rappresenta "un passo indietro e un colpo devastante per gli agricoltori, i consumatori e l'ambiente. La maggioranza dei membri della commissione agricoltura riconferma metodi del passato di distruzione dell’ ambiente, perseverando nel far praticare un'agricoltura intensiva, dipendente dai prodotti agrochimici, invece di soddisfare le esigenze degli agricoltori e degli ecosistemi fragili " [3].

Anche l'Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici ha commentato i risultati, affermando che il testo adottato privilegia l'agricoltura industriale, rispetto ai piccoli produttori sostenibili. La relatrice ombra Maria Noichl ha anche richiamato l'attenzione sull'importanza degli eco-schemi e sulle visioni contraddittorie in seno al Parlamento: "Volevamo più sostegni per le misure che forniscono questi beni pubblici, in particolare gli eco-schemi, ma PPE e RCT non erano interessati "[4].

Dunque letture assai diverse dello stesso testo, che lasciano aperto il dibattito sul futuro della PAC. Oltre alle dichiarazioni dei partiti politici, anche le organizzazioni degli agricoltori e le ONG partecipano al dibattito, che avrà indubbiamente un impatto sui futuri sviluppi della politica agricola.

Dopo il voto di ieri, il testo dovrà ora essere esaminato da tutto il Parlamento europeo, ma non prima delle prossime elezioni del 23-26 maggio. Dopo di che, il presidente del Parlamento e i leader dei gruppi politici hanno due opzioni: trasmettere il testo alla plenaria per il voto o ri-aprire l'analisi e le modifiche nella nuova COM AGRI.


[1] http://www.europarl.europa.eu/news/en/press-room/20190401IPR34587/fairer-simpler-more-flexible-eu-farm-policy-meps-vote-on-post-2020-reform

[2] https://alde.eu/en/news/1283-common-agricultural-policy-post-2020-securing-competitiveness-while-delivering-on-climate-and-environmental-protection/

[3] https://www.greens-efa.eu/en/article/press/proposed-cap-reform-a-devastating-blow-to-farmers-consumers-and-the-environment/

[4] https://www.socialistsanddemocrats.eu/newsroom/sds-conservative-ultra-liberal-agriculture-policy-not-what-eu-citizens-expect-well-keep

comms@bee-life.eu

​Telephone : ​32(0)10 47 34 16​​​

Place Croix du Sud 1

1348 Louvain-la-Neuve, Belgium

© 2017 BeeLife

Privacy Policy

  • Facebook - BeeLife
  • Twitter - BeeLife
  • LinkedIn - BeeLife
  • YouTube - BeeLife
LOGObee-lifeSOLO.png
Logo-BeeLife_European_Beekeeping_Coordination